Registrazione |  | martedì 18 dicembre 2018
Ipsoa area fisco

IVA 2017: comunicazioni in arrivo per le anomalie tra dichiarato e spesometro
Definiti contenuto e modalità di invio delle comunicazioni per promuovere l’adempimento spontaneo relativo a irregolarità emerse in fase di raffronto tra il volume d’affari dichiarato dai soggetti titolari di partita Iva per il periodo d’imposta 2017 e i dati dello spesometro. È quanto stabilito dall’Agenzia delle Entrate con il provvedimento prot. n. 517020 del 17 dicembre 2018. Gli avvisi verranno inviati all’indirizzo PEC del contribuente e se questo non è attivo, per posta ordinaria. I contribuenti avranno la possibilità di regolarizzare violazioni ed omissioni tramite l’istituto del ravvedimento operoso.

Entrate tributarie internazionali: online i dati relativi al periodo gennaio-ottobre 2018
Pubblicati i dati relativi alle entrate tributarie internazionali per periodo gennaio-ottobre 2018. Il rapporto è consultabile sul sito istituzionale del Dipartimento delle Finanze del MEF a partire dal 17 dicembre. Incrementato il gettito per Irlanda, Spagna (con un significativo +8,4%), Germania, Italia, Portogallo, Regno Unito. In flessione il gettito tributario della Francia. Anche per l’Iva si segnala la notevole crescita della Spagna con un +10,3%, seguita dall’Irlanda e dal Regno Unito.

Entrate tributarie e contributive: incremento dell’1,8% nei primi dieci mesi del 2018
In aumento le entrate tributarie e contributive relative al periodo gennaio-ottobre 2018 rispetto a quelle facenti riferimento ai primi dieci mesi del precedente anno. L’incremento è pari all’1,8%. Le entrate derivanti da attività di accertamento e controllo sono invece diminuite rispetto allo scorso anno, registrando un -10,2 per cento. Lo ha messo in evidenza il Ministero dell’Economia e delle Finanze nel rapporto che può essere consultato nel sito istituzionale del proprio Dipartimento delle Finanze a partire dal 17 dicembre.

Ponte Morandi: sospensione obblighi tributari per nuovi soggetti
Si allarga la platea di soggetti beneficiari della sospensione degli adempimenti tributari prevista a favore di coloro che sono stati colpiti dal crollo del ponte Morandi del 14 agosto 2018. Lo prevede il D.M. 6 dicembre 2018 del Ministero dell’Economia e delle finanze, pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Adempimenti e versamenti oggetto di sospensione devono essere effettuati in unica soluzione entro il 20 dicembre 2018, senza l’applicazione di interessi e sanzioni.

La scelta della compliance vincola tutto il gruppo Iva


Doppio obbligo per l’impresa sotto piano di risanamento


L’Agenzia fa ripartire il concorso a 175 dirigenti


APE volontaria: credito d’imposta anche per i pensionati residenti all’estero
L’Inps può corrispondere il credito d’imposta relativo all’APE volontaria anche a favore dei pensionati residenti all’estero che beneficiano del regime fiscale agevolativo previsto dalle convenzioni internazionali contro la doppia imposizione fiscale. L’Inps avrà la possibilità di recuperare il credito rivalendosi successivamente nei confronti dell’erario, sul monte ritenute da versare. Lo ha precisato l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 88/E del 17 dicembre 2018.

Auto, non basta la presenza


Il no profit si mette in affari


Manovra giù a 31-32 miliardi ma non c’è ancora l’accordo


Pagamenti al fisco in ritardo, dal 2019 interessi quasi triplicati


Commercialisti, bugie pesanti


Spesometro, è l'ora delle lettere


Riporto perdite Limiti superabili


I beni merce non pagano l'Imu


RTI: le associate devono emettere fattura nei confronti della stazione appaltante
Nell’ambito del raggruppamento temporaneo di imprese istituito ai fini dell’esecuzione di un appalto pubblico, le singole associate devono procedere con la fatturazione nei confronti della stazione appaltante facendo riferimento ai lavori di competenza che ciascuna ha eseguito. Va ricondotto alla figura del mandato collettivo speciale con rappresentanza il rapporto tra associate e capogruppo. Lo ha precisato l’Agenzia delle Entrate con il principio di diritto n. 17 del 17 dicembre 2018.

Risanamento aziendale: obbligo di annotazione della nota di variazione
La società assoggettata a un piano di risanamento aziendale è obbligata a procedere con la registrazione della nota di variazione in diminuzione emessa dal proprio creditore a seguito della falcidia del credito, nonché a procedere con il riversamento, all’Erario, dell’Iva relativa alla nota di variazione emessa dal soggetto cedente, senza attendere la conclusione del piano di risanamento. Lo ha precisato l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 110 del 17 dicembre 2018. Il piano di risanamento non è una procedura concorsuale e non può pertanto trovare applicazione quanto previsto in materia di registrazione delle note di variazione nell’ambito del fallimento.

e-fattura: crepuscolo, ma non tramonto, per la ricevuta fiscale
Dal 2019, dovranno essere emesse esclusivamente fatture elettroniche utilizzando il Sistema di Interscambio; l’obbligo vale anche per quanti ancora utilizzano la c.d. “fattura-ricevuta fiscale”. Gli stampati delle ricevute/fatture fiscali potranno comunque essere ancora utilizzati dagli operatori esonerati dall’obbligo di fatturazione elettronica. Inoltre, la ricevuta fiscale, su stampati conformi, potrà avere ancora una funzione nel poter consentire il rilascio della e-fattura richiesta dal cliente in un momento successivo senza incorrere in sanzioni per mancato rilascio di certificazione fiscale. Ancora, la ricevuta emessa all'atto della consegna dei beni (ovvero all'atto del pagamento, se anteriore), sarà ancora idonea per sostituire il DDT ai fini della fatturazione differita.

La legge di Bilancio 2019 cambia i limiti dei trasferimenti in denaro contante
Le regole per l'uso nelle transazioni del denaro in contante non sono più le stesse. Lo prevede la legge di Bilancio 2019. Le nuove disposizioni stabiliscono l'aumento - da 10.0000 a 15.000 euro - dell’importo massimo dei pagamenti in contanti effettuabili, per l’acquisto di beni al dettaglio e di prestazioni di servizi legati al turismo, da parte di soggetti non residenti in Italia, e l'estensione di questa normativa anche ai cittadini dell’Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo (Liechtenstein, Islanda, e Norvegia). Dal 2019, pertanto, cambia la soglia entro cui è possibile effettuare transazioni con l'utilizzo del contante e si modifica la rosa dei soggetti che rientrano nell'applicazione di questo beneficio, ricomprendendovi tutte le persone fisiche che hanno cittadinanza diversa da quella italiana e con residenza fuori dall'Italia.

Lotta al riciclaggio: 8 obiettivi-chiave per il piano d’azione UE
Il Consiglio Europeo ha adottato le conclusioni sul piano d’azione per rafforzare la lotta contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. Le conclusioni hanno stabilito una serie di azioni non legislative a breve termine per affrontare 8 obiettivi-chiave. Le norme europee in materia di antiriciclaggio e finanziamento del terrorismo sono state considerevolmente rafforzate negli ultimi anni, con due riforme consecutive adottate dal 2015. L’ultima revisione della direttiva, la V direttiva antiriciclaggio, è stata adottata nell'aprile 2018 e dovrebbe essere recepita a livello nazionale entro gennaio 2020.

Fusione: perdite riportabili anche se il test del patrimonio netto non è superato
Disapplicabile la disciplina antielusiva per il riporto di perdite fiscali, eccedenze ACE, nell’ambito di un’operazione di fusione, qualora il mancato superamento del test del patrimonio netto sia dipeso da circostanze eccezionali e la recente capitalizzazione delle società sia stata effettuata per estinguere finanziamenti e ripianare perdite superiori al terzo del capitale sociale. Lo ha precisato l’Agenzia delle Entrate con la risposta a istanza di interpello n. 109 del 17 dicembre 2018.

Acconto IVA, riversamento all’Erario entro il 31 dicembre
L’Agenzia delle Entrate ha definito le modalità di riversamento all’Erario dell’acconto IVA del mese di dicembre 2018. In particolare, le somme versate a banche, uffici postali e agenti della riscossione, a titolo di acconto dell’imposta sul valore aggiunto nei giorni 20,21, 24 e 27 dicembre 2018 devono essere riversate in Banca d’Italia - Sezione di Tesoreria dello Stato di Roma - Succursale, sulla contabilità speciale n. 1777 denominata “Agenzia delle entrate - fondi della riscossione”, entro le ore 14,50 del 31 dicembre 2018.

Contratto di leasing, risoluzione per confisca: rileva la definitività del provvedimento
In caso di risoluzione del contratto di leasing per confisca dell’immobile che rientrava nell’oggetto del contratto, il componente negativo dell’indennizzo concorre alla formazione del reddito del periodo nel quale è divenuto definitivo il provvedimento ablatorio, anche a seguito di pronuncia giudiziale. Lo ha precisato l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 108 del 12 dicembre 2018.

Acconto Iva impossibile negli enti che hanno scelto lo split commerciale


Sì alla deduzione dei costi per servizi nel consolidato


Rottamazione più appetibile


Pmi, l'e-fattura incute timore


Scambi intraUe, per l'esenzione è fondamentale la partita Iva


Trust, fondi e patti nel mirino


Iperammortamenti a rischio: il recupero cerca confini sicuri


Il momento dell’emissione decide il formato della fattura (anche differita)


Imu e Tasi, via al ravvedimento


Partite Iva, corsa alla flat tax del 15% ma pesano gli ostacoli all’accesso


Si rimette mano ai modelli 231 Esordio per le frodi Iva


Saggio degli interessi legali a 0,8% dal 1° gennaio 2019
Con D.M. 12 dicembre 2018, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 15 dicembre 2018, il Ministero dell'Economia e delle finanze ha fissato allo 0,8 per cento in ragione d’anno, a partire dal 1° gennaio 2019, il saggio degli interessi legali.

Pace fiscale: chi, come e quando
Con la conversione in legge del decreto fiscale, le nove misure previste nel capitolo “pace fiscale” diventano definitive. Durante l’iter di conversione alcune norme non hanno subito modifiche: è il caso, ad esempio, della definizione degli atti di accertamento. Altre norme sono state invece modificate, l’esempio più evidente è quello della rottamazione ter e della chiusura liti, altre ancora sono una novità assoluta: ci si riferisce alla sanatoria delle violazioni formali. Nella mappa delle novità, i soggetti interessati, le modalità operative e le tempistiche.

IMU e TASI: ultimo giorno per il versamento della seconda rata
Scade lunedì 17 dicembre (il 16 cade di domenica) il termine a disposizione dei contribuenti per procedere con il versamento della seconda rata a saldo di IMU e TASI per l’anno 2018. L’IMU può essere versata tramite bollettino postale, modello F24 o modello F24/EP (versamenti dovuti dagli enti pubblici). Per il pagamento del saldo TASI, è possibile utilizzare l’apposito bollettino postale e il modello F24.

Nel decreto fiscale 2019 una svolta nella lotta all’evasione?
Il decreto fiscale 2019 attribuisce alla Guardia di Finanza più poteri in termini di pianificazione strategica delle attività di controllo e di analisi del rischio, con un coinvolgimento più ampio e il coordinamento con l’Agenzia delle Entrate. In particolare, per le analisi del rischio di evasione fiscale la Guardia di Finanza potrà utilizzare le informazioni comunicate all’Anagrafe Tributaria dagli operatori finanziari, informazioni che dovranno essere conservate per 10 anni. Queste nuove prerogative potrebbero davvero rappresentare un punto di svolta per il contrasto al sommerso?

Estesa l'agevolazione IMU per le abitazioni in comodato
Estensione dell'agevolazione IMU prevista a favore delle unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, che vengono concesse in comodato ai parenti che le utilizzano come abitazioni principali. In particolare, secondo quanto previsto dalla legge di Bilancio 2019, la riduzione della base imponibile IMU - nella misura del 50 per cento - in tema di comodato, che sarà in vigore dal 2019, è estesa anche al coniuge del comodante deceduto se ci sono figli minori.

Italian Tax amnesties: an option also for foreign investors
The Law Decree n. 119/2018 contains certain provisions related to tax and financial matters. The Decree entered into force on October 24th, 2018. The most relevant tax measures introduced by the Decree focus on various optional tax settlement procedures in relation to tax audits, tax assessments and tax disputes (a specific procedure for the settlement of the tax collection notices attributed to the Tax Collection Agent - so called “rottamazione-ter” - has been introduced too). Such procedures may be considered also by foreign investors (e.g. multinational groups, foreign funds) willing to settle tax proceedings pending in Italy and define the tax position vis-à-vis the Italian Tax Authorities.

Il recesso unilaterale va provato


Formazione senza utili


Per i voti si aspetta l’accordo «Saldo e stralcio» dal 16 al 35%


Ricorsi fiscali bonificati


Definizione agevolata dei Pvc anche dopo memorie difensive


Gestione separata, contributi anche dai commercialisti


Flat tax, norma salva-studi dopo la manovra


Forfettari anche i soci delle srl


Da associazione professionale a s.a.s.: è conferimento

Copyright © 2001-2018 Studio legale Colaluce. VAT: IT 02145500720 - All rights reserved.  | Condizioni d'Uso | Dichiarazione per la Privacy