Registrazione |  | sabato 16 febbraio 2019
Ipsoa area diritto

Fashion week, moda alla milanese. E si alza il velo sugli ordini industriali
Parte martedì la settimana di sfilate in un settore che vale oltre il 10% del Pil. Nello stesso giorno l’Istat diffonde i dati sugli ordini in dicembre.

Medie imprese industriali italiane: l’indagine annuale di Unioncamere
Unioncamere comunica i dati che emergono dall’indagine annuale sulle Medie imprese industriali italiane, realizzata in collaborazione con Mediobanca. Le incertezze dello scenario economico a livello nazionale e internazionale hanno portato le medie imprese a subire una battuta d’arresto nel 2018 e il 2019 si apre ancora carico di incognite: molte medie imprese stanno ad aspettare l’evoluzione del quadro economico, ma le previsioni rivelano un maggiore ottimismo rispetto ai risultati del 2018.

Marchi inutilizzati, il titolare dovrà giustificarne il diritto


Limiti alle esclusive brevettuali


Copyright, meno vincoli sul web per chi studia


Srl semplificate senza notaio


Più poteri ai collegi sindacali


Decreto Semplificazioni: modifiche al Codice appalti solo per gravi illeciti professionali
Delle possibili rilevanti modifiche al Codice appalti prospettate inizialmente nel testo del decreto Semplificazioni, ora convertito in legge, sono rimaste solo le disposizioni relative a nuovi motivi di esclusione dall'appalto per gravi illeciti professionali, che dovranno essere dimostrati, con mezzi adeguati, da parte della stazione appaltante. È stata, quindi, rinviata a un futuro provvedimento l’integrale riforma del Codice, che presentava la tanto discussa norma “taglia-gare” volta a innalzare da 1 milione di euro a 2,5 milioni di euro la soglia dell'affidamento di un contratto di esecuzione di lavori senza gara ordinaria.

Risk Management e gestione d’impresa: il ruolo del sistema di controllo interno
Il sistema di controllo interno è l’insieme delle procedure aziendali adottate per efficientare il raggiungimento degli obiettivi da parte dell’impresa. Con le procedure aziendali si rende più semplice e veloce l’attività degli operatori anche se ostacoli si possono incontrare quando l’evento da affrontare non è previsto dalla specifica procedura. L’esistenza di un sistema di controllo interno (e la valutazione del suo concreto funzionamento) assumono un ruolo importante anche nell’attività di revisione legale, permettendo di ridurre il rischio del controllo. La costruzione delle procedure aziendali si basa su due elementi: quali sono?

Crisi d'impresa: le novità della riforma per imprese e professionisti
Approda in Gazzetta Ufficiale il Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza. Anche l'Italia si dota così di un diritto della crisi e dell'insolvenza, che non può più essere chiamato “fallimentare”, al passo con i tempi e con le sollecitazioni provenienti dall’Europa. L'obiettivo perseguito è di mettere a disposizione degli imprenditori (e non solo) degli strumenti per prevenire il definitivo dissesto dell'impresa. In particolare, le novità più importanti concernono l'introduzione delle procedure di allerta e la disciplina della crisi e dell'insolvenza dei gruppi di imprese. Ma anche le disposizioni sull'albo degli incaricati della gestione e del controllo nelle procedure di liquidazione.

Onlus trasparenti entro il 28/2


Chi fallisce non fallisce più


Internal audit nell'antiriciclaggio


Crisi d’impresa: transazione fiscale tra conferme e novità
L’istituto della transazione fiscale trova conferma, con qualche novità, anche nel Codice della crisi e dell’insolvenza. Rispetto al passato, il nuovo Codice ha diviso la disciplina in due parti: un primo articolo è infatti dedicato alla transazione nell’accordo di ristrutturazione dei debiti e il secondo regola la transazione nel concordato preventivo. Le altre modifiche hanno poi lo scopo di velocizzare le procedure. Nonostante gli interventi innovativi, sembrano permanere i problemi preesistenti. In particolare: è possibile riconoscere alla transazione un effetto novativo?

Decreto Semplificazioni: pubblicata la legge di conversione
La legge di conversione del decreto Semplificazioni è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale. Numerose le novità inserite durante l’iter parlamentare: si va dalla riapertura della rottamazione ter anche a chi entro il 7 dicembre 2018 non ha pagato le somme dovute per il 2018, al ripristino dell’IRES agevolata al 12% per gli enti non profit, dalle semplificazioni per le start up e PMI innovative alla riformulazione della disciplina delle Zone economiche speciali. In materia di lavoro, viene confermata la soppressione dell'obbligo della modalità telematica per la tenuta del Libro unico del lavoro. Modificata anche la disciplina relativa all’obbligo di richiesta del certificato di agibilità dei lavoratori dello spettacolo da parte delle imprese dello spettacolo.

CCIAA: modifiche alle specifiche tecniche RI/REA
A decorrere dal 1° marzo 2019, per la presentazione al registro delle imprese ed al repertorio delle notizie economiche ed amministrative delle domande di iscrizione, di deposito, o delle denunce, da parte dei soggetti obbligati, avranno efficacia le specifiche tecniche RI/REA così come modificate dal decreto direttoriale 8 febbraio 2019 del Ministero dello Sviluppo Economico.

Dichiarazione non finanziaria: i contenuti e il primo esercizio sociale di applicazione della nuova disciplina
Assonime ha pubblicato la circolare n. 4 dell’11 febbraio 2019 dal titolo “Legge di bilancio 2019: novità in tema di dichiarazione non finanziaria” con cui evidenzia come per le imprese sia stato ampliato il contenuto informativo delle dichiarazioni non finanziarie. In particolare, la nuova disciplina impone solo degli obblighi informativi relativi a una serie di temi di natura socio-ambientale e, al fine di rafforzare la comunicazione di informazioni non finanziarie, esplicita chiaramente il principio per cui la descrizione dei rischi deve comprendere anche l’illustrazione delle modalità di gestione dei rischi.

Crisi d’impresa e gestione dei rapporti di lavoro: gli adempimenti del curatore
Il Codice della crisi e dell’insolvenza disciplina le modalità di gestione dei rapporti di lavoro in corso al momento dell’apertura della liquidazione giudiziale nei confronti dell’imprenditore commerciale con il chiaro intento di tutelare l’occupazione. Una volta accertato lo stato di insolvenza, la prima conseguenza dell’apertura della liquidazione è la sospensione di tutti i contratti di lavoro subordinato in atto alla data della sentenza dichiarativa. Una sospensione automatica che non richiede alcuna comunicazione. In tale fase però il curatore sarà tenuto a effettuare precisi adempimenti: quali?

Nei contratti continuati e periodici subentro del curatore meno costoso


Addio Sistri, arriva il Registro


Contratto dei bancari, mercoledì riparte la trattativa. Settimana di aste per i titoli di Stato
Martedì il Tesoro emette in asta Bot annuali mentre mercoledì è la volta dei titoli a tre e sette anni. L’Alitalia torna (giovedì) al Mise in vista di una stretta sui partner e il piano.

Artificial Intelligence: how to face the legal issues deriving from AI?
Artificial Intelligence is an industry that is growing by the minute, having its impacts on both business and - more broadly - on the whole society. However there are numerous legal issues that have to be taken into consideration, among which (i) the protection of personal and non-personal data, (ii) the necessity to adopt cyber resilient systems in order to protect AI from any cyber-attack, as well as (iii) the need to take ethical issues into the right consideration from a legislative point of view.

Coop sociali, gli statuti non vanno adeguati


Un fallimento pigliatutto


Brexit, Westminster ritorna al voto. Corporate Italia, arrivano i bilanci
Eurostat rende noti mercoledì i dati della produzione industriale per l’ultimo mese del 2018. Giovedì a Londra nuovo pronunciamento del Parlamento mentre i big di Piazza Affari approvano i dati preconsuntivi.

Decreto rinnovabili FER 1: in arrivo nuovi incentivi per le imprese “green”
Entro marzo 2019 saranno operativi nuovi incentivi a sostegno della produzione di energia elettrica da impianti alimentati a fonti rinnovabili. L’iter di approvazione dello schema di decreto FER 1, notificato alla Commissione UE, è infatti quasi giunto al termine. Tra le novità del decreto si segnalano: l’accesso alle agevolazioni consentito solo ai progetti selezionati a seguito di procedure di asta o registro; il bonus per il fotovoltaico in sostituzione delle coperture in amianto o eternit e maggiori aiuti per l'autoconsumo, nonché l'esclusione dalle agevolazioni degli impianti che hanno già usufruito di incentivi per le fonti rinnovabili diverse dal fotovoltaico.

Riforma delle imprese sociali: l’adeguamento delle cooperative e delle imprese
“Adeguamento delle cooperative sociali e delle imprese sociali alla riforma dell’impresa sociale” è il titolo del documento messo a punto dal gruppo di lavoro sulle società cooperative, promosso dall’Alleanza delle Cooperative e dal Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili. Il documento analizza la riforma che, pur abrogando l’originario decreto legislativo 155/2006 (Disciplina dell'impresa sociale), ne conserva l’impianto complessivo e taluni principi, primo fra tutti la nozione di impresa sociale quale status giuridico. L’impresa sociale, quindi, non è un nuovo ente che si affianca ai soggetti esistenti, ma è uno status, una qualifica che può essere assunta dai soggetti dell’ordinamento.

Startup innovative: aumenta l’utilizzo della modalità telematica per la costituzione
A fine 2018 le startup innovative costituite mediante la nuova modalità digitale sono 2.023. In particolare l’incremento è del 6,4% su base annua, infatti nel 2018 sono state costituite online 953 startup innovative, contro le 896 del 2017. Tra le imprese innovative create nell’ultimo trimestre, oltre 4 su 10 hanno optato per la nuova modalità. E’ quanto emerge dalla 10ª edizione del rapporto trimestrale di monitoraggio delle startup innovative pubblicata dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Semplificazioni su tre pilastri


La blockchain al setaccio


Crisi d’impresa: termini e modalità per le segnalazioni nelle procedure di allerta
L’Agenzia delle Entrate, l’INPS e l’agente della riscossione devono avvisare il debitore, mediante PEC o mediante raccomandata con avviso di ricevimento, che la sua esposizione debitoria ha superato una determinata soglia critica e, in caso di inattività del debitore, devono procedere senza indugio ad inoltrare una segnalazione all’OCRI. Sarà poi l’OCRI tenuto a inoltrare la stessa informazione agli organi di controllo. E’ quanto prevede il Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza. La mancata osservanza dell’obbligo di segnalazione al debitore comporta conseguenze molto rilevanti: quali sono?

Crisi d’impresa: a chi si applica il Codice?
L’esame delle norme del Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza che disciplinano il perimetro soggettivo di applicazione delle procedure di liquidazione giudiziale evidenziano alcuni difetti. In particolare, il riferimento è alla mancanza di linearità della disciplina, alla “sfumata” nozione di sovraindebitamento, alle problematiche attinenti alle procedure di allerta e alla mancata regolamentazione della liquidazione coatta amministrativa e dell’amministrazione straordinaria. In conclusione, sembra che il Codice sia stato organizzato in un’ottica procedurale dimenticando però i reali “fruitori” delle procedure stesse. A chi si applica la riforma della crisi d’impresa? Chi ne è escluso?

Fondo per la tutela dei risparmiatori: come chiedere gli indennizzi per le imprese
Il Fondo di indennizzo risparmiatori, previsto dalla legge di Bilancio 2019, nasce con l’obiettivo di indennizzare i risparmiatori colpiti dai fallimenti bancari degli ultimi anni. Possono accedere alle prestazioni del fondo i risparmiatori, persone fisiche, imprenditori individuali, anche agricoli, organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale, nonché le microimprese che alla data di liquidazione erano in possesso di azioni o obbligazioni subordinate dell’istituto coinvolto. La domanda di indennizzo, corredata di documentazione attestante i requisiti va inviata al Ministero delle Finanze, anche via PEC, entro 180 giorni dalla pubblicazione del decreto attuativo. Quali sono i criteri e i limiti del rimborso?

Consob: avviata la procedura per la nomina di Paolo Savona come presidente
Il Consiglio dei Ministri ha deliberato, nella seduta del 5 febbraio 2019, l’avvio della procedura per la nomina del prof. Paolo Savona a Presidente della Commissione nazionale per le società e la Borsa (CONSOB). Savona, lascia il ministero degli Affari europei per guidare l'Autorità di controllo della Borsa. La carica era vacante da metà settembre a seguito delle dimissioni, avvenute il 13 settembre 2018, di Mario Nava.

Diritto societario: l’UE si adegua all’era digitale a sostegno delle imprese
L'Unione Europea ha deciso di rivedere le norme del proprio diritto societario affinché siano idonee all'era digitale. Il Consiglio ha raggiunto un accordo provvisorio con i rappresentanti del Parlamento europeo su un progetto di direttiva che riporta nuove norme che consentiranno, alle imprese, di essere in grado di registrarsi, creare nuove filiali o file di documenti nel registro delle imprese online. Il passaggio al digitale renderà il processo di creazione di un'impresa più efficiente e conveniente.

Enti del Terzo settore: come effettuare gli adeguamenti statutari
Entro il 2 agosto 2019 gli enti del Terzo settore dovranno effettuare specifici adeguamenti statutari. Con una circolare il Ministero del Lavoro è intervenuto in materia chiarendo l’obbligatorietà o meno dell’inserimento di determinate clausole statutarie in ordine all’assenza del fine di lucro e alla devoluzione del patrimonio, alle competenze delle assemblee, agli organi di amministrazione e controllo, al volontariato, all’organizzazione interna di associazioni e fondazioni, nonchè al bilancio di esercizio e sociale. Quali regole occorre seguire per adeguare gli statuti?

Abbonamento RAI speciale: canoni invariati per il 2019
Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 29 del 4 febbraio 2019, del decreto 28 dicembre 2018, il Ministero dello Sviluppo Economico stabilisce che, per l'anno 2019, i canoni di abbonamento speciale per la detenzione fuori dell'ambito familiare di apparecchi radioriceventi o televisivi resteranno invariati. I cinema, teatri e in locali a questi assimilabili continueranno quindi a pagare secondo le misure nelle tabelle 3 e 4 allegate al decreto ministeriale 29 dicembre 2014.

Concessioni demaniali marittime: canoni aggiornati
Stabilite per il 2019 le misure unitarie dei canoni per le concessioni demaniali marittime. Il decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, stabilisce che le misure unitarie dei canoni annui relativi alle concessioni demaniali marittime sono aggiornate applicando l'aumento del 3% alle misure unitarie dei canoni determinati per il 2018.

I bilanci delle banche, le stime dei PIL da Bruxelles e il decretone all’esame del Parlamento
La Commissione Lavoro del Senato ha in programma una sessantina di audizioni in tre giorni sul provvedimento che include il reddito di cittadinanza (oggi la presentazione della card) e quota 100. La settimana sarà caratterizzata dalla presentazione dei conti da parte delle grandi banche italiane, mentre giovedì la Commissione europea aggiornerà le stime sul PIL dei Paesi europei. Martedì il discorso sullo stato dell’Unione di Donald Trump.

Fallimenti, ed è subito allerta


Privacy, i cittadini all'attacco


Preallerta su debiti oltre soglia


Crisi d’impresa: aumentano gli obblighi di gestione e la responsabilità per gli amministratori
Il Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza introduce specifici obblighi di gestione e nuove responsabilità a carico degli amministratori. In particolare gli amministratori devono: attivare i processi per la raccolta delle informazioni necessarie all’elaborazione, alla misurazione e al monitoraggio degli indici reddituali, patrimoniali e finanziari utili per l’attività di reporting nonché prevedere un sistema per gestire preventivamente il rischio di perdita della continuità aziendale. L’obiettivo del legislatore è far emergere in tempo eventuali sintomi di crisi, riducendo i margini di incertezza. L’adozione di un adeguato sistema di rilevazione dei segnali di crisi inoltre permette agli amministratori di escludere ogni forma di responsabilità.

Intesa Sanpaolo fa i conti dell’anno. Arriva la trimestrale di Google
Escono lunedì i risultati per la società che controlla il motore di ricerca. Mentre martedì Carlo Messina presenta il 2018 di Ca’ de Sass. E sabato al Moma di New York la Fiat 500 debutta come icona del design «democratico».

Registro elettronico nazionale: cambiano le regole sulla tracciabilità dei rifiuti per le imprese
Confermata, nel disegno di legge di conversione del decreto Semplificazioni, la soppressione del SISTRI e l’istituzione del nuovo Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti. Saranno tenuti ad iscriversi al Registro, entro il termine che sarà individuato con un decreto attuativo, gli enti e le imprese che effettuano il trattamento dei rifiuti, i produttori di rifiuti pericolosi che li raccolgono e li trasportano a titolo professionale, commercianti e intermediari, nonché i consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti. Quali sono i nuovi adempimenti per le imprese?

Comunicazioni non finanziarie: obblighi rafforzati per la sostenibilità del business
La legge di Bilancio 2019 ha modificato i contenuti delle comunicazioni di carattere non finanziario da parte delle imprese di grandi dimensioni con più di 500 dipendenti. Con la comunicazione le società danno conto delle politiche gestionali legate alla sostenibilità del business, del livello di responsabilità sociale e ambientale, del rispetto dei diritti umani con riferimento al personale impiegato e delle attività di contrasto della corruzione. La comunicazione deve essere chiara e trasparente a tutela degli investitori e dei consumatori. Quali sono i soggetti coinvolti? E quali solo le informazioni minime che devono essere riportate nella comunicazione?

Accordo commerciale UE-Giappone: nuove opportunità per le aziende italiane
L’Accordo di Partenariato Economico - APE costituisce il più grande accordo commerciale bilaterale mai negoziato tra l’Unione Europea e il Giappone e pone le premesse per la creazione di un nuovo mercato, terzo al mondo per dimensioni. In vigore dal 1° febbraio 2019, l’APE costituisce per l’Italia e le aziende italiane un’opportunità soprattutto nei settori dell’agro-alimentare e della tutela delle indicazioni geografiche protette (IG). Saranno però beneficiate anche le imprese di altri settori come i settori automobilistico, tessile e farmaceutico. Per agevolare gli scambi, infatti, l’accordo “preferenze tariffarie” applicate solo alla parte ad valorem del dazio mentre la componente specifica del dazio continua ad applicarsi senza riduzioni. Come si richiede il trattamento tariffario preferenziale?

Esecuzione mobiliare: chiarimenti sul regime di pignorabilità
La Corte Costituzionale, con la sentenza n. 12/2019 del 31 gennaio 2019, dichiara l’illegittimità costituzionale della legge che introdurrebbe un irragionevole discrimine temporale per l’applicazione del nuovo regime di pignorabilità delle somme accreditate su conto corrente bancario o postale intestato al debitore a titolo di pensione o di altre prestazioni assistenziali o retributive.

Professioni come le pmi


Legge Anticorruzione: le norme di interesse per le imprese
In vigore dal 31 gennaio 2019, la legge Anticorruzione si fonda su tre temi principali: il contrasto dei reati contro la PA, la prescrizione del reato e la trasparenza di partiti e movimenti politici. Di particolare interesse per le imprese le norme relative ai reati contro la PA: nel più ampio quadro di un inasprimento delle pene principali e accessorie per i reati di corruzione, si trovano norme che, con riferimento alla responsabilità amministrativa di società ed enti (nonché, almeno in potenza, anche dei funzionari corrotti), prevedono un aumento della durata delle sanzioni interdittive e introducono una causa di non punibilità per quanti collaborano spontaneamente con la giustizia prima di sapere di essere indagati ed entro 4 mesi dalla commissione del reato.
Copyright © 2001-2018 Studio legale Colaluce. VAT: IT 02145500720 - All rights reserved.  | Condizioni d'Uso | Dichiarazione per la Privacy